Phase 2, outdoor physical activity and children’s play areas, cinemas and theaters and restaurants: the document of the Regions

0
13


Phase 2, from gyms and swimming pools to restaurants and cinemas: the guidelines of the Regions to avoid coronavirus infections

from Restaurants to childcare services, give her activities for tourists to festivals and at exhibitions, give her pools and from gyms to cinema and ai theaters. And again: how to behave with outdoor activities for children in the play areas or in closed places. And what are the rules to follow for the physical activities of adults and children outdoors. Here are the guidelines updated to May 22 that Regions intend to follow to continue in Phase 2 without risking to raise the curca of coronavirus infections. A list of standards which in many cases incorporate and supplement those already known.

#correlati article figure .player_clicker ::after{        color:#fff;        background-color:rgba (0,0,0,.6);        border-radius:50%;        display:block;        text-align:center;        font-size:16px;        line-height:40px;        width:40px;        position:absolute;        top:50%;        left:50%;        margin:-20px 0 0 -21px;    }    #correlati article figure .player_foto_clicker ::after{        color:#fff;        background-color:rgba (0,0,0,.6);        border-radius:50%;        display:block;        text-align:center;        font-size:20px;        line-height:40px;        width:40px;        position:absolute;        top:50%;        left:50%;        margin:-20px 0 0 -21px;    }

->

Movida, beaches, gyms and swimming pools: here are all the special observed places
By plane with masks but no distancing: here are all the rules

HERE THE COMPLETE TEXT

“It is understood – reads the document anyway – that on the basis of the evolution of the epidemiological scenario, the indicated measures can be reshaped, even in a more restrictive sense.

OUTDOOR PHYSICAL ACTIVITY

These indications apply to all sports facilities where outdoor activities are practiced which have indoor service facilities (reception, tool storage, reception room, changing rooms, race direction, etc.).

Provide adequate information on prevention measures.

Draw up a program of activities as planned as possible so as to dissuade any conditions of aggregation to regulate the flows of waiting areas and in the various areas in order to avoid gatherings and ensure interpersonal distancing.

Body temperature may be detected, preventing access in the event of a temperature> 37.5 ° C.

Space tools and machines to ensure the necessary spaces to respect the safety distance by delimiting the areas of respect and the paths with a minimum distance of less than 1 meter between people while no physical activity is performed, if it cannot be respected you must wear a mask .

Presence of staff trained to check and direct users to compliance with all hygiene rules and social distancing.

Cleaning and disinfection of the environment and tools and machines at the end of each individual training session

Tools and machines that cannot be disinfected must not be used.

For users, hand hygiene is mandatory before and after access.

Do not share water bottles, glasses and bottles and do not exchange items such as towels, bathrobes or other items with other users.

Make sure that each practitioner can dispose of products for disinfection and in an adequate quantity (near each machine or set of tools) so that, before and after each exercise, he can independently disinfect the machine or used tools.

CULTURAL AND RECREATIONAL CIRCLES

These indications apply to meeting places of cultural associations, recreational clubs, clubs, social gathering centers, universities of leisure and senior citizens.

Ensure adequate information and awareness of users on hygiene and behavioral measures useful to contain the transmission of SARS-CoV-2, also by appealing to the sense of individual responsibility. The messages must be understandable to any users of another nationality and can be conveyed through specific signs and signs, sending information to the members, promoting and reinforcing the compliance of the hygiene measures by the staff.

Reorganize spaces, routes and the program of activities in order to ensure the maintenance of the interpersonal distance of at least 1 meter (2 meters in case of physical activity). The exceptions provided for by current regulations are reserved, the application of which pertains to the responsibility of individuals. A decrease in the maximum capacity of the premises may be assessed.

Prefer, where possible, the performance of outdoor activities, while ensuring compliance with the interpersonal safety distance.

Privilege activities for small groups of people, always guaranteeing respect for interpersonal distance, even during recreational activities. For activities involving the sharing of objects (e.g. table games, billiards, bowls), adopt organizational methods such as to reduce the number of people who handle the same objects, for example by setting up game shifts and fixed-composition teams, and however, oblige the use of the mask and the disinfection of the hands before each new game. In any case, the worktops, game tables and any object supplied for use by users must be disinfected before and after each shift of use. It is forbidden to use game tools for which disinfection is not possible at every turn (e.g. playing cards).

The use of masks to protect the respiratory tract is mandatory in all enclosed spaces accessible to the public and in any case on all occasions where it is not possible to continuously guarantee the maintenance of the interpersonal safety distance, subject to the exceptions provided for by current provisions ( children under 6 years of age, subjects with disabilities not compatible with the continuous use of the mask and subjects interacting with the aforementioned).

It is necessary to make available to users and distributors of disinfectant solutions for the hands to be located in several places, in particular near the entrances of the rooms. Remember that gloves do not replace proper hand hygiene and must be changed frequently and in any case whenever they become dirty or damaged. Once removed, once removed, gloves must not be reused and must be disposed of in unsorted waste.

The body temperature at the entrance may be detected, preventing access in case of temperature> 37.5 ° C.

Maintain a daily attendance register to be kept for a period of 14 days, ensuring compliance with the legislation on the protection of personal data.

Stations dedicated to receiving users can be equipped with physical barriers (e.g. screens).

The seating arrangement must guarantee respect for the interpersonal distance of at least 1 meter, both frontally and laterally.

Ensure the frequent cleaning of all rooms and with regular disinfection of the surfaces most frequently touched (e.g. benches, tables, shelves, handrails, light switches, buttons, door and window handles, equipment, games, toilets , showers, changing rooms etc.).

Promote the exchange of air indoors. For air conditioning systems, it is mandatory, if technically possible, to totally exclude the air recirculation function; if this is not technically possible, the measures for the exchange of natural air must be further strengthened and in any case the cleaning, with the system stopped, of the recirculating air filters must be guaranteed to maintain adequate filtration / removal levels, according to the technical indications referred to in the document of the Istituto Superiore di Sanità.

As regards the specific organizational and prevention measures for the various types of activities (e.g. administration of food and drinks, physical and sports activities, training activities, conferences, debates, shows), please refer to the relevant thematic fact sheets.

CINEMA AND LIVE SHOWS

These indications apply to cinemas, theaters, circuses, tent theaters, arenas and shows in general, even traveling.

Provide adequate information on prevention measures, if appropriate understandable also for customers of other nationalities.

Reorganize the spaces, to ensure access in an orderly way, in order to avoid gatherings of people and to ensure the maintenance of at least 1 meter of separation between users, with the exception of members of the same family or cohabitants or for people who according to the provisions in force, they are not subject to interpersonal distancing. This aspect belongs to individual responsibility. If possible, organize separate routes for entry and exit.

Members of the same family or cohabitants or persons who are not subject to these provisions are not required to interpersonal distancing.

If possible, privilege access by booking and keep the attendance list for a period of 14 days.

Body temperature may be detected, preventing access in the event of a temperature> 37.5 ° C.

The desk and reception desk workstation can be equipped with physical barriers (e.g. screens); in any case, favor electronic payment methods.

It is necessary to make hand hygiene products available to customers and staff at several points in the system, in particular at the entry points.

The seats must include a seat and a minimum distance, between one spectator and the other, both frontally and laterally, of at least 1 meter. For families and cohabitants there is the possibility of sitting next to each other, ensuring the distance between them and the other spectators of 1 m, as well as the possibility of reducing the social spacing of one meter in the presence of plexiglass dividers, also removable, to be installed between a core of spectators and another.

Any interaction between artists and the public must ensure compliance with the hygiene-behavioral recommendations and in particular the distance between artists and the public of at least 2 meters.

Suitable personnel must use airway protection devices in spaces shared and / or in contact with the public.

All spectators must wear a mask (for children the general rules apply).

For indoor shows, maximum number of 200 people, for outdoor shows maximum number of 1000 people, installing the facilities for parking the audience, in their widest modulation.

For the common areas dedicated to daily life and to the performance of training and exercises, please refer to the individual sheets and to compliance with the general hygienic-sanitary indications.

For any restaurant service, follow the specific thematic form.

Ensure frequent cleaning and disinfection of all environments, premises and attractions, with particular attention to common areas and surfaces touched more frequently (handrails, light switches, elevator buttons, door and window handles, etc.).

Promote the exchange of air indoors. For air conditioning systems, it is mandatory, if technically possible, to totally exclude the air recirculation function; if this is not technically possible, the measures for the exchange of natural air must be further strengthened and in any case the cleaning, with the system stopped, of the recirculating air filters must be guaranteed to maintain adequate filtration / removal levels, according to the technical indications referred to in the document of the Istituto Superiore di Sanità.

THEMATIC AND FUN PARKS

These indications apply to permanent amusement parks (rides) and traveling shows (funfair), theme parks, water parks, adventure parks, zoos (faunal, aquatic, etc.) and to any other entertainment contexts in which a interactive role of the user with equipment and spaces.

Provide adequate information on prevention measures, understandable, if appropriate, also for customers of other nationalities, both with the aid of specific signs and signs, and by using audio, video systems and the staff in charge of monitoring and promoting compliance with prevention measures, also referring to the visitor’s sense of responsibility.

To guarantee, if possible, a system for booking, paying for tickets and filling in forms, preferably online, in order to avoid predictable gatherings, and in respect of privacy, if possible keep a attendance register for a period of 14 days. The early opening of the ticket office and a decrease in the maximum capacity can be evaluated to ensure less crowding as a function of the obligation to ensure interpersonal distance. The station dedicated to the cashier, where not already equipped with physical barriers (e.g. screens), must be possibly adequate. Provide mandatory routes for access and exit from areas / attractions and, where possible, modify the turnstiles or entry and exit bars to allow opening without using your hands.

Body temperature may be detected, especially in parks where the simultaneous influx of many people is expected, preventing access in case of temperature> 37.5 ° C.

It is necessary to make hand hygiene products available to users and staff in several points of the areas, providing for users to use them before entering and leaving each area, attraction, ticket office, toilets, etc. For water parks, the provisions already made mandatory by swimming pool hygiene rules are reiterated.

Rearrange the spaces to ensure access in an orderly manner, in order to avoid crowds of people (even in the access queues to individual areas / attractions) and to ensure that at least 1 meter of separation is maintained between users, with the exception of the components of the same family or cohabitants or for people who according to the current provisions are not subject to interpersonal distancing. This aspect belongs to individual responsibility. The supply of bracelets with distinct colors / numbers based on the family unit, or other measures of equal effectiveness can be evaluated. If physical activity is practiced (e.g. in adventure parks) the interpersonal distance during the activity must be at least 2 meters.

Ensure the occupation of any seats of the attractions in order to favor the minimum spacing of at least 1 meter, except for families. With particular reference to the equipment of the water parks, use single inflatable boats / floating boats where possible; for multiple inflatable boats, allow their use by families or cohabitants.

In consideration of the context, all visitors must wear an airway protection mask (for children, the general rules apply); this obligation also applies to operators involved in activities in contact with the public (based on the type of task performed, the employer will be responsible for providing workers with specific personal protective equipment). The visitor information referred to in this point does not apply to water parks. Please remember that gloves do not replace proper hand hygiene and must be returned every time they get dirty and properly disposed of in unsorted waste. They must not be reused.

Ensure the regular and frequent cleaning and disinfection of common areas, changing rooms, cabins, showers, toilets, and attractions etc., however associated with disinfection after closing to the public.

The equipment (e.g. sunbeds, deck chairs, inflatables, wetsuits, audio guides etc.), lockers, etc. they must be disinfected at every change of person or family, and in any case at the end of the day.

With particular reference to adventure parks, the general guidelines apply according to the provisions of the law relating to sports facilities. Before wearing the safety devices (belts, helmets, etc.) the customer must thoroughly disinfect his hands. Safety harnesses must be worn avoiding contact with exposed skin, therefore the customer must have suitable clothing. Particular attention must be paid to the cleaning and disinfection of rental protective helmets: after each use, before being made available for a new rental, the helmet must be cleaned (with neutral soap and rinse) and subsequent disinfection with a suitable PT1 disinfectant on contact with the skin (products based on sodium hypochlorite 0.05% or ethyl alcohol 70% are indicated). The disinfectant must be left to act for a period of at least 10 minutes.

For restaurant services, sale of objects (e.g. merchandising / souvenirs, bookshop), for any shows as well as for swimming pools, solarium areas, follow the specific thematic sheets.

FESTIVALS AND FAIRS

These indications apply to festivals, fairs and other similar events.

Provide adequate information on prevention measures, if appropriate understandable also for customers of other nationalities, both with the aid of special signs and signs, and by resorting to the staff in charge of monitoring and promoting compliance with the prevention measures.

Rearrange the spaces, also by means of signs on the ground, to allow access in an orderly and, if necessary, contingent way, in order to avoid gatherings of people and to ensure the maintenance of at least 1 meter of separation between users, with the exception of members of the same family or cohabitants or for people who, according to the provisions in force, are not subject to interpersonal distancing. This aspect belongs to individual responsibility. If possible, organize separate routes for entry and exit.

Body temperature may be detected, preventing access in the event of a temperature> 37.5 ° C.

In the exhibition spaces specifically dedicated to trade fairs (both indoors and outdoors), the workstation dedicated to the reception and cashier can be equipped with physical barriers (eg screens); in any case, favor electronic payment methods and online booking management, and if possible keep a attendance register for a period of 14 days.

It is necessary to make disinfectant products available to customers and staff in several points of the plant, in particular at the entry and payment points.

In the case of purchases with independent choice and handling of the product by the customer, hand disinfection must be made mandatory before handling the goods. Alternatively, disposable gloves must be made available to customers to use compulsorily.

If present, any seats must include a minimum distance between the sessions of at least one meter or such as to guarantee the maintenance of the interpersonal distance of at least one meter.

In consideration of the context, all visitors must wear an airway protection mask (for children, the general rules apply); this obligation also applies to operators involved in activities in contact with the public.

Ensure frequent cleaning and disinfection of all environments, equipment and premises, with particular attention to common areas and surfaces touched more frequently (handrails, light switches, elevator buttons, door and window handles, etc.).

For all indoor spaces, encourage the exchange of air indoors. For air conditioning systems, it is mandatory, if technically possible, to totally exclude the air recirculation function; if this is not technically possible, the measures for the exchange of natural air must be further strengthened and in any case the cleaning, with the system stopped, of the recirculating air filters must be guaranteed to maintain adequate filtration / removal levels, according to the technical indications referred to in the document of the Istituto Superiore di Sanità.

For any further services provided within these contexts (e.g. bars, restaurants) follow the specific thematic sheet.

SERVICES FOR CHILDREN AND ADOLESCENCE

These indications apply to all organized social and play opportunities, daytime, for children and adolescents.

Provide adequate information for parents, children and staff on all prevention measures to be taken. Provide signs, with pictograms and similar, suitable for minors.

Sign an agreement between the managing body, the staff and the parents involved for compliance with the rules for managing services aimed at combating the spread of the virus.

A reception area must be guaranteed beyond which access to parents and carers will not be allowed.

Access to the facility must also include organization on shifts that avoid gatherings of parents and carers outside the facility itself.

Provide for the daily detection of body temperature for all operators, children, parents / carers. In case of T> 37.2 ° C the subject must be removed. In case of fever of the parent / carer, the minor will not be able to access the service. Carers must not be people over 60 years old.

Invite staff and parents to self-monitor their health conditions and that of their family, and inform them about the behaviors to adopt in case of the appearance of suspicious symptoms for COVID-19.

Provide a ratio between staff and minors of 1: 5 for children from 0 to 5 years of age, 1: 7 for children from 6 to 11 years of age and 1:10 for children from 12 to 17 years of age.

The composition of groups of children must be as stable as possible over time and intersection activities between different groups must be avoided, also keeping the same staff in contact with the same group of children.

Give preference to activities that can reduce prolonged contacts, in particular in closed environments, at a greater risk of possible contagion. Wherever possible, always encourage outdoor activities.

Hygiene-behavioral measures must also be promoted for children and young people, also with playful modalities, compatibly with age and with their degree of autonomy and awareness.

The airway protection mask must be used by all personnel and by children and young people over 6 years of age. Give preference to colored and / or printed masks.

Provide suitable dispensers of hydroalcoholic solution for frequent hand hygiene in all environments, in particular at the entry and exit points.

The games must be for the exclusive use of a single group, except for disinfection before the exchange.

Ensure a thorough daily cleaning of the rooms with neutral detergent and disinfection with particular attention to the toilets and the most frequently touched surfaces.

For all indoor spaces, encourage the exchange of air indoors. For air conditioning systems, it is mandatory, if technically possible, to totally exclude the air recirculation function; if this is not technically possible, the measures for the exchange of natural air must be further strengthened and in any case the cleaning, with the system stopped, of the recirculating air filters must be guaranteed to maintain adequate filtration / removal levels, according to the technical indications referred to in the document of the Istituto Superiore di Sanità.

FOOD
The indications apply for all types of meals and drinks, such as restaurants, trattorias, pizzerias, self-service bars, pubs, patisseries, ice cream parlors, rotisseries (even if placed within the context of accommodation activities, inside of bathing establishments and in shopping centers), as well as for the catering activity (in this case, if the administration of food takes place within a third company organization, it will also be necessary to comply with the preventive measures set by that organization).

Provide adequate information on prevention measures, understandable also for customers of other nationalities.

Body temperature may be detected, preventing access in the event of a temperature> 37.5 ° C.

It is necessary to make hand hygiene products available to customers and staff also in several points of the room, in particular at the entrance and near the toilets, which must be cleaned several times a day.

In establishments that have seats, give priority to access by booking, keep the list of subjects who have booked, for a period of 14 days. In these activities, there may not be more customers inside the room than there are seats.

In establishments that do not have seats, allow entry to a limited number of customers at a time, based on the characteristics of the individual rooms, in order to ensure that at least 1 meter of separation between customers is maintained.

Where possible, give preference to the use of outdoor spaces (gardens, terraces, stalls), always respecting the spacing of at least 1 meter.

The tables must be arranged in such a way as to ensure the maintenance of at least 1 meter of separation between the customers, with the exception of people who, according to the provisions in force, are not subject to interpersonal distancing. This last aspect belongs to individual responsibility. This distance can only be reduced by resorting to physical barriers between the different tables suitable for preventing contagion by droplet.

Consumption at the counter is allowed only if the interpersonal distance of at least 1 meter between customers can be ensured, with the exception of people who are not subject to interpersonal distancing according to current provisions. This last aspect belongs to individual responsibility.

Buffet consumption is not allowed.

The service staff in contact with customers must use the mask and must carry out frequent hand hygiene with hydro-alcoholic solutions (before each table service).

Promote the exchange of air indoors. For air conditioning systems, it is mandatory, if technically possible, to totally exclude the air recirculation function; if this is not technically possible, the measures for the exchange of natural air must be further strengthened and in any case the cleaning, with the system stopped, of the recirculating air filters must be guaranteed to maintain adequate filtration / removal levels, according to the technical indications referred to in the document of the Istituto Superiore di Sanità.

The cashier station can be equipped with physical barriers (e.g. screens); alternatively, staff must wear a mask and have hand sanitizing gel available. In any case, favor electronic payment methods, possibly at the table.

Customers will have to wear the mask whenever they are not sitting at the table.

At the end of each table service, all the usual measures of cleaning and disinfection of the surfaces must be provided, avoiding as much as possible reusable if not disinfectable tools and containers (salt, oil cruets, etc.). For menus, consult online on your mobile phone, or prepare menus in plasticized print, and therefore disinfectable after use, or disposable paper.

TOURIST ACTIVITIES (bathing establishments and beaches)

These indications apply to bathing establishments, equipped beaches and free beaches.

Provide adequate information on prevention measures, understandable also for customers of other nationalities. In this regard, it is promoted the accompaniment to the umbrella by suitably prepared staff (beach steward) who illustrates to customers the prevention measures to be respected.

It is necessary to make hand hygiene products available to customers and staff at multiple points in the system

Privilege access to the factories by booking and keep the attendance list for a period of 14 days.

Body temperature may be detected, preventing access in the event of a temperature> 37.5 ° C.

The cashier station can be equipped with physical barriers (e.g. screens); alternatively, staff must wear a mask and have hydroalcoholic solution for hand hygiene available. In any case, favor electronic payment methods, possibly during the booking phase.

Rearrange the spaces, to ensure access to the establishment in an orderly manner, in order to avoid gatherings of people and to ensure that at least 1 meter of separation is maintained between users, with the exception of people who are not subject to the provisions in force interpersonal distancing; this last aspect pertains to individual responsibility. If possible, organize separate routes for entry and exit.

To encourage, as far as possible, the enlargement of the shaded areas to prevent gatherings, especially during the hottest hours.

Ensure a spacing between the umbrellas (or other shading systems) in order to guarantee a surface of at least 10 m2 for each umbrella, regardless of how the beach is set up (for horizontal or rhombus rows).

Between the beach equipment (sunbeds, deck chairs), when not positioned in the umbrella place, a distance of at least 1.5 m must be guaranteed.

Regular and frequent cleaning and disinfection of common areas, changing rooms, cabins, showers, toilets, etc., however ensured after the plant is closed.

Equipment such as sunbeds, deck chairs, umbrellas etc. they must be disinfected at every change of person or family, and in any case at the end of the day.

Per quanto riguarda le spiagge libere, si ribadisce l’importanza dell’informazione e della responsabilizzazione individuale da parte degli avventori nell’adozione di comportamenti rispettosi delle misure di prevenzione. Al fine di assicurare il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro tra le persone e gli interventi di pulizia e disinfezione dei servizi eventualmente presenti si suggerisce la presenza di un addetto alla sorveglianza. Anche il posizionamento degli ombrelloni dovrà rispettare le indicazioni sopra riportate.

È da vietare la pratica di attività ludico-sportive di gruppo che possono dar luogo ad assembramenti.

Gli sport individuali che si svolgono abitualmente in spiaggia (es. racchettoni) o in acqua (es. nuoto, surf, windsurf, kitesurf) possono essere regolarmente praticati, nel rispetto delle misure di distanziamento interpersonale. Diversamente, per gli sport di squadra (es. beach-volley, beach-soccer) sarà necessario rispettare le disposizioni delle istituzioni competenti.

STRUTTURE RICETTIVE

Le indicazioni si applicano alle strutture ricettive alberghiere, complementari e alloggi in agriturismo.

Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i clienti di altra nazionalità.

Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.

Garantire il rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro in tutte le aree comuni e favorire la differenziazione dei percorsi all’interno delle strutture, con particolare attenzione alle zone di ingresso e uscita. Si suggerisce, a tal proposito, di affiggere dei cartelli informativi e/o di delimitare gli spazi (ad esempio, con adesivi da attaccare sul pavimento, palline, nastri segnapercorso, ecc.).

Il distanziamento interpersonale non si applica ai membri dello stesso gruppo familiare o conviventi, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggetti al distanziamento interpersonale

La postazione dedicata alla reception e alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche e gestione delle prenotazioni online, con sistemi automatizzati di check-in e check-out ove possibile.

L’addetto al servizio di ricevimento deve provvedere, alla fine di ogni turno di lavoro, alla pulizia del piano di lavoro e delle attrezzature utilizzate.

Gli ospiti devono sempre indossare la mascherina nelle aree comuni, mentre il personale dipendente è tenuto all’utilizzo della mascherina sempre quando in presenza dei clienti e comunque in ogni circostanza in cui non sia possibile garantire la distanza interpersonale di almeno un metro.

Garantire un’ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per l’igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche in varie postazioni all’interno della struttura, promuovendone l’utilizzo frequente da parte dei clienti e del personale dipendente.

Ogni oggetto fornito in uso dalla struttura all’ospite, dovrà essere disinfettato prima e dopo di ogni utilizzo.

L’utilizzo degli ascensori dev’essere tale da consentire il rispetto della distanza interpersonale, pur con la mascherina, prevedendo eventuali deroghe in caso di componenti dello stesso nucleo familiare/gruppo di viaggiatori.

Garantire la frequente pulizia e disinfezione di tutti gli ambienti e locali, con particolare attenzione alle aree comuni e alle superfici toccate con maggiore frequenza (corrimano, interruttori della luce, pulsanti degli ascensori, maniglie di porte e finestre, ecc.).

Per quanto riguarda il microclima, è fondamentale verificare le caratteristiche di aerazione dei locali e degli impianti di ventilazione e la successiva messa in atto in condizioni di mantenimento di adeguati ricambi e qualità dell’aria indoor. Per un idoneo microclima è necessario:

garantire periodicamente l’aerazione naturale nell’arco della giornata in tutti gli ambienti dotati di aperture verso l’esterno, dove sono presenti postazioni di lavoro, personale interno o utenti esterni (comprese le aule di udienza ed i locali openspace), evitando correnti d’aria o freddo/caldo eccessivo durante il ricambio naturale dell’aria;

aumentare la frequenza della manutenzione / sostituzione dei pacchi filtranti dell’aria in ingresso (eventualmente anche adottando pacchi filtranti più efficienti);

in relazione al punto esterno di espulsione dell’aria, assicurarsi che permangano condizioni impiantistiche tali da non determinare l’insorgere di inconvenienti igienico sanitari nella distanza fra i punti di espulsione ed i punti di aspirazione;

attivare l’ingresso e l’estrazione dell’aria almeno un’ora prima e fino ad una dopo l’accesso da parte del pubblico;

nel caso di locali di servizio privi di finestre quali archivi, spogliatoi, servizi igienici, ecc., ma dotati di ventilatori/estrattori meccanici, questi devono essere mantenuti in funzione almeno per l’intero orario di lavoro;

per quanto riguarda gli ambienti di collegamento fra i vari locali dell’edificio (ad esempio corridoi, zone di transito o attesa), normalmente dotati di minore ventilazione o privi di ventilazione dedicata, andrà posta particolare attenzione al fine di evitare lo stazionamento e l’assembramento di persone, adottando misure organizzative affinché gli stessi ambienti siano impegnati solo per il transito o pause di breve durata;

negli edifici dotati di specifici impianti di ventilazione con apporto di aria esterna, tramite ventilazione meccanica controllata, eliminare totalmente la funzione di ricircolo dell’aria;

Relativamente agli impianti di riscaldamento/raffrescamento che fanno uso di pompe di calore, fancoil, o termoconvettori, qualora non sia possibile garantire la corretta climatizzazione degli ambienti tenendo fermi gli impianti, pulire in base alle indicazioni fornite dal produttore, ad impianto fermo, i filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati.

le prese e le griglie di ventilazione devono essere pulite con panni puliti in microfibra inumiditi con acqua e sapone, oppure con alcool etilico al 75%;

evitare di utilizzare e spruzzare prodotti per la pulizia detergenti/disinfettanti spray direttamente sui filtri per non inalare sostanze inquinanti, durante il funzionamento.

Per le attività di ristorazione, si applica quanto previsto nella specifica scheda.

NOLEGGIO VEICOLI E ALTRE ATTREZZATURE

Le presenti indicazioni si applicano ai servizi di noleggio, pubblici e privati.

Garantire un’adeguata informazione e sensibilizzazione degli utenti sulle misure igieniche e comportamentali utili a contenere la trasmissione del SARS-CoV-2, anche facendo appello al senso di responsabilità individuale. I messaggi devono essere comprensibili ad eventuali utenti di altra nazionalità e possono essere veicolati attraverso apposita segnaletica e cartellonistica, consegna di informative, promozione e rinforzo del rispetto delle misure igieniche da parte del personale addetto.

Consentire l’accesso al servizio solo tramite prenotazione, tramite modalità di collegamento a distanza e app dedicate; favorire modalità di pagamento elettronico.

È raccomandata la rilevazione della temperatura corporea al momento dell’accesso presso la struttura commerciale ove avviene il servizio di noleggio.

Negli uffici/locali/aree all’aperto, mettere a disposizione soluzioni idro-alcoliche per l’igiene delle mani degli utenti.

Negli uffici/locali/aree all’aperto evitare assembramenti degli utenti, predisponendo percorsi guidati di distanziamento per assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di distanza tra noleggiatore ed utente.

L’utilizzo di mascherine a protezione delle vie respiratorie è obbligatorio in tutti i locali chiusi accessibili al pubblico e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale, fatte salve le eccezioni previste dalle disposizioni vigenti (bambini di età inferiore a 6 anni, soggetti con disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina e soggetti che interagiscono con i predetti).

Le postazioni di lavoro del personale addetto possono essere delimitate da barriere fisiche adeguate a prevenire il contagio tramite droplet.

Per quanto riguarda il microclima degli uffici/locali, è fondamentale garantire condizioni di adeguato ricambio dell’aria indoor:

Garantire una frequente manutenzione/sostituzione dei pacchi filtranti dell’aria in ingresso (eventualmente anche adottando pacchi filtranti più efficienti)

Relativamente agli impianti di riscaldamento/raffrescamento che fanno uso di pompe di calore, fancoil o termoconvettori, qualora non sia possibile garantire la corretta climatizzazione degli ambienti tenendo fermi gli impianti, pulire in base alle indicazioni fornite dal produttore, ad impianto fermo, i filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati.

Garantire la frequente pulizia di tutti gli ambienti, con regolare disinfezione delle superfici toccate con maggiore frequenza (es. banchi, piani di lavoro, piani d’appoggio, corrimano, interruttori della luce, pulsanti, maniglie ecc.).

SERVIZI ALLA PERSONA (acconciatori, estetisti e tatuatori)
Le presenti indicazioni si applicano al settore della cura della persona: servizi degli acconciatori, barbieri,estetisti e tatuatori.

Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione.

Consentire l’accesso dei clienti solo tramite prenotazione, mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 gg.

Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.

La permanenza dei clienti all’interno dei locali è consentita limitatamente al tempo indispensabile all’erogazione del servizio o trattamento. Consentire la presenza contemporanea di un numero limitato di clienti in base alla capienza del locale (vd. punto successivo).

Riorganizzare gli spazi, per quanto possibile in ragione delle condizioni logistiche e strutturali, per assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione sia tra le singole postazioni di lavoro, sia tra i clienti.

L’area di lavoro, laddove possibile, può essere delimitata da barriere fisiche adeguate a prevenire il contagio tramite droplet.

Nelle aree del locale, mettere a disposizione soluzioni idro-alcoliche per l’igiene delle mani dei clienti e degli operatori, con la raccomandazione di procedere ad una frequente igiene delle mani. Eliminare la disponibilità di riviste e materiale informativo di uso promiscuo.

L’operatore e il cliente, per tutto il tempo in cui, per l’espletamento della prestazione, devono mantenere una distanza inferiore a 1 metro devono indossare, compatibilmente con lo specifico servizio, una mascherina a protezione delle vie aeree (fatti salvi, per l’operatore, eventuali dispositivi di protezione individuale ad hoc come la mascherina FFP2 o la visiera protettiva, i guanti, il grembiule monouso, etc., associati a rischi specifici propri della mansione).

In particolare per i servizi di estetica e per i tatuatori, nell’erogazione della prestazione che richiede una distanza ravvicinata, l’operatore deve indossare la visiera protettiva e mascherina FFP2 senza valvola.

L’operatore deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima e dopo ogni servizio reso al cliente) e utilizzare camici/grembiuli possibilmente monouso per gli estetisti. I guanti devono essere diversificati fra quelli utilizzati nel trattamento da quelli usualmente utilizzati nel contesto ambientale.

Assicurare una adeguata pulizia e disinfezione delle superfici di lavoro prima di servire un nuovo cliente e una adeguata disinfezione delle attrezzature e accessori. Disinfezione delle postazioni di lavoro dopo ogni cliente. Assicurare regolare pulizia e disinfezione dei servizi igienici.

Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni. Per gli impianti di condizionamento, è obbligatorio, se tecnicamente possibile, escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria; se ciò non fosse tecnicamente possibile, vanno rafforzate ulteriormente le misure per il ricambio d’aria naturale e in ogni caso va garantita la pulizia, ad impianto fermo, dei filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati, secondo le indicazioni tecniche di cui al documento dell’Istituto Superiore di Sanità.

Sono inibiti, dove presenti, l’uso della sauna, il bagno turco e le vasche idromassaggio.

La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione soluzione idroalcolica per l’igiene delle mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche, eventualmente in fase di prenotazione.

COMMERCIO AL DETTAGLIO
Le presenti indicazioni si applicano al settore del commercio al dettaglio.

Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione.

In particolar modo per supermercati e centri commerciali, potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.

Prevedere regole di accesso, in base alle caratteristiche dei singoli esercizi, in modo da evitare assembramenti e assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti.

Garantire un’ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per l’igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche, promuovendone l’utilizzo frequente da parte dei clienti e degli operatori.

Nel caso di acquisti con scelta in autonomia e manipolazione del prodotto da parte del cliente, dovrà essere resa obbligatoria la disinfezione delle mani prima della manipolazione della merce. In alternativa, dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente.

I clienti devono sempre indossare la mascherina, così come i lavoratori in tutte le occasioni di interazione con i clienti.

L’addetto alla vendita deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima e dopo ogni servizio reso al cliente).

Assicurare la pulizia e la disinfezione quotidiana delle aree comuni.

Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni. Per gli impianti di condizionamento, è obbligatorio, se tecnicamente possibile, escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria; se ciò non fosse tecnicamente possibile, vanno rafforzate ulteriormente le misure per il ricambio d’aria naturale e in ogni caso va garantita la pulizia, ad impianto fermo, dei filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati, secondo le indicazioni tecniche di cui al documento dell’Istituto Superiore di Sanità.

La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione soluzione idroalcolica per l’igiene delle mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche.

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE
(mercati e mercatini degli hobbisti)

Le presenti indicazioni si applicano alle attività di commercio al dettaglio su aree pubbliche che si possono considerare ordinarie per la loro frequenza di svolgimento, la cui regolamentazione è competenza dei Comuni, che devono assicurare:

la riorganizzazione degli spazi, anche mediante segnaletica a terra, per consentire l’accesso in modo ordinato e, se del caso, contingentato, al fine di evitare assembramenti di persone e di assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli utenti, ad eccezione dei componenti dello stesso nucleo familiare o conviventi o per le persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale. Detto aspetto afferisce alla responsabilità individuale;

il mantenimento in tutte le attività e le loro fasi del distanziamento interpersonale;

ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani. In particolare, detti sistemi devono essere disponibili accanto ai sistemi di pagamento;

utilizzo di mascherine sia da parte degli operatori che da parte dei clienti,

informazione per garantire il distanziamento dei clienti in attesa di entrata: posizionamento all’accesso dei mercati di cartelli almeno in lingua italiana e inglese per informare la clientela sui corretti comportamenti.

maggiore distanziamento dei posteggi ed a tal fine, ove necessario e possibile, ampliamento dell’area mercatale;

individuazione di un’area di rispetto per ogni posteggio in cui limitare la concentrazione massima di clienti compresenti, nel rispetto della distanza interpersonale di un metro.

Ove ne ricorra l’opportunità, i Comuni potranno altresì valutare di sospendere la vendita di beni usati.

Misure a carico del titolare di posteggio

pulizia e disinfezione quotidiana delle attrezzature prima dell’avvio delle operazioni di mercato di vendita;

è obbligatorio l’uso delle mascherine, mentre l’uso dei guanti può essere sostituito da una igienizzazione frequente delle mani

messa a disposizione della clientela di soluzione idroalcolica per l’igiene delle mani in ogni banco;

rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro.

Rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro dagli altri operatori anche nelle operazioni di carico e scarico;

Nel caso di acquisti con scelta in autonomia e manipolazione del prodotto da parte del cliente, dovrà essere resa obbligatoria la disinfezione delle mani prima della manipolazione della merce. In alternativa, dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente.

in caso di vendita di beni usati: pulizia e disinfezione dei capi di abbigliamento e delle calzature prima che siano poste in vendita.

UFFICI APERTI AL PUBBLICO

Le presenti indicazioni si applicano al settore degli uffici, pubblici e privati, degli studi professionali e dei servizi amministrativi che prevedono accesso del pubblico.

Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione.

Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.

Promuovere il contatto con i clienti, laddove possibile, tramite modalità di collegamento a distanza e soluzioni innovative tecnologiche.

Favorire l’accesso dei clienti solo tramite prenotazione, consentendo la presenza contemporanea di un numero limitato di clienti in base alla capienza del locale (vd. punto successivo).

Riorganizzare gli spazi, per quanto possibile in ragione delle condizioni logistiche e strutturali, per assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione sia tra le singole postazioni di lavoro, sia tra i clienti (ed eventuali accompagnatori) in attesa. Dove questo non può essere garantito dovrà essere utilizzata la mascherina a protezione delle vie aeree.

L’area di lavoro, laddove possibile, può essere delimitata da barriere fisiche adeguate a prevenire il contagio tramite droplet.

Nelle aree di attesa, mettere a disposizione soluzioni idro-alcoliche per l’igiene delle mani dei clienti, con la raccomandazione di procedere ad una frequente igiene delle mani soprattutto dopo il contatto con riviste e materiale informativo.

L’attività di front office per gli uffici ad alto afflusso di clienti esterni può essere svolta esclusivamente nelle postazioni dedicate e dotate di vetri o pareti di protezione.

L’operatore deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima e dopo ogni servizio reso al cliente).

Per le riunioni (con utenti interni o esterni) vengono prioritariamente favorite le modalità a distanza; in alternativa, dovrà essere garantito il rispetto del mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metro e, in caso sia prevista una durata prolungata, anche l’uso della mascherina.

Assicurare una adeguata pulizia delle superfici di lavoro prima di servire un nuovo cliente e una adeguata disinfezione delle attrezzature.

Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni. Per gli impianti di condizionamento, è obbligatorio, se tecnicamente possibile, escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria; se ciò non fosse tecnicamente possibile, vanno rafforzate ulteriormente le misure per il ricambio d’aria naturale e in ogni caso va garantita la pulizia, ad impianto fermo, dei filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati, secondo le indicazioni tecniche di cui al documento dell’Istituto Superiore di Sanità.

PISCINE
Le presenti indicazioni si applicano alle piscine pubbliche, alle piscine finalizzate a gioco acquatico e ad uso collettivo inserite in strutture già adibite in via principale ad altre attività ricettive (es. pubblici esercizi, agrituristiche, camping, etc.). Sono escluse le piscine ad usi speciali di cura, di riabilitazione e termale, e quelle alimentate ad acqua di mare.

Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione. I frequentatori devono rispettare rigorosamente le indicazioni impartite dagli istruttori e assistenti ai bagnanti. Il gestore dovrà prevedere opportuna segnaletica, incentivando la divulgazione dei messaggi attraverso monitor e/o maxi-schermi, per facilitare la gestione dei flussi e la sensibilizzazione riguardo i comportamenti, mediante adeguata segnaletica.

Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.

Divieto di accesso del pubblico alle tribune. Divieto di manifestazioni, eventi, feste e intrattenimenti.

Redigere un programma delle attività il più possibile pianificato in modo da dissuadere eventuali condizioni di aggregazioni e da regolamentare i flussi degli spazi di attesa e nelle varie aree per favorire il rispetto del distanziamento sociale di almeno 1 metro, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale. Se possibile prevedere percorsi divisi per l’ingresso e l’uscita.

Privilegiare l’accesso agli impianti tramite prenotazione e mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni.

Organizzare gli spazi e le attività nelle aree spogliatoi e docce in modo da assicurare le distanze di almeno 1 metro (ad esempio prevedere postazioni d’uso alternate o separate da apposite barriere).

Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, anche qualora depositati negli appositi armadietti; si raccomanda di non consentire l’uso promiscuo degli armadietti e di mettere a disposizione sacchetti per riporre i propri effetti personali.

Dotare l’impianto/struttura di dispenser con soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani dei frequentatori/clienti/ospiti in punti ben visibili all’entrata, prevedendo l’obbligo di frizionarsi le mani già in entrata. Altresì prevedere i dispenser nelle aree di frequente transito, nell’area solarium o in aree strategiche in modo da favorire da parte dei frequentatori l’igiene delle mani

La densità di affollamento nelle aree solarium e verdi è calcolata con un indice di non meno di 7 mq di superficie di calpestio a persona. La densità di affollamento in vasca è calcolata con un indice di 7 mq di superficie di acqua a persona. Il gestore pertanto è tenuto, in ragione delle aree a disposizioni, a calcolare e a gestire le entrate dei frequentatori nell’impianto.

Regolamentare la disposizione delle attrezzature (sedie a sdraio, lettino) attraverso percorsi dedicati in modo da garantire il distanziamento sociale di almeno 1,5 m tra persone non appartenenti allo stesso nucleo familiare o conviventi.

Al fine di assicurare un livello di protezione dall’infezione assicurare l’efficacia della filiera dei trattamenti dell’acqua e il limite del parametro cloro attivo libero in vasca compreso tra 1,0 – 1,5 mg/l; cloro combinato ≤ 0,40 mg/l; pH 6.5 – 7.5. Si fa presente che detti limiti devono rigorosamente essere assicurati in presenza di bagnanti. La frequenza dei controlli sul posto dei parametri di cui sopra è non meno di due ore. Dovranno tempestivamente essere adottate tutte le misure di correzione in caso di non conformità, come pure nell’approssimarsi del valore al limite tabellare.

Prima dell’apertura della vasca dovrà essere confermata l’idoneità dell’acqua alla balneazione a seguito dell’effettuazione delle analisi di tipo chimico e microbiologico dei parametri di cui alla tabella A dell’allegato 1 all’Accordo Stato Regioni e PP.AA. 16.01.2003, effettuate da apposito laboratorio. Le analisi di laboratorio dovranno essere ripetute durante tutta l’apertura della piscina al pubblico a cadenza mensile, salvo necessità sopraggiunte, anche a seguito di eventi occorsi in piscina, che possono prevedere una frequenza più ravvicinata.

Si rammentano le consuete norme di sicurezza igienica in acqua di piscina: prima di entrare nell’acqua di vasca provvedere ad una accurata doccia saponata su tutto il corpo; è obbligatorio l’uso della cuffia; è vietato sputare, soffiarsi il naso, urinare in acqua; ai bambini molto piccoli far indossare i pannolini contenitivi.

Regolare e frequente pulizia e disinfezione delle aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, cabine, attrezzature (sdraio, sedie, lettini, incluse attrezzature galleggianti, natanti etc.).

Le attrezzature come ad es. lettini, sedie a sdraio, ombrelloni etc. they must be disinfected at every change of person or family. Diversamente la disinfezione deve essere garantita ad ogni fine giornata. Evitare l’uso promiscuo di oggetti e biancheria: l’utente dovrà accedere alla piscina munito di tutto l’occorrente.

Le piscine finalizzate a gioco acquatico in virtù della necessità di contrastare la diffusione del virus, vengano convertite in vasche per la balneazione. Qualora il gestore sia in grado di assicurare i requisiti nei termini e nei modi del presente documento, attenzionando il distanziamento sociale, l’indicatore di affollamento in vasca, i limiti dei parametri nell’acqua, sono consentite le vasche torrente, toboga, scivoli morbidi.

Per piscine ad uso collettivo inserite in strutture già adibite in via principale ad altre attività ricettive (es. pubblici esercizi, agrituristiche, camping, etc.) valgono le disposizioni del presente documento, opportunamente vagliate e modulate in relazione al contesto, alla tipologia di piscine, all’afflusso clienti, alle altre attività presenti etc.

Si raccomanda ai genitori/accompagnatori di avere cura di sorvegliare i bambini per il rispetto del distanziamento e delle norme igienico-comportamentali compatibilmente con il loro grado di autonomia e l’età degli stessi.

Le vasche che non consentono il rispetto delle indicazioni suesposte per inefficacia dei trattamenti.

PALESTRE

Ultimo aggiornamento: 20:46

© RESERVED REPRODUCTION



Source link
https://www.ilmessaggero.it/italia/coronavirus_regioni_linee_guida_contagi_governo_oggi_22_maggio_ultime_notizie-5243850.html

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here