LIVE TMW – Coronavirus emergency, here is the definitive protocol for team training

0
6



live

Coronavirus and calcium: all the updates in real time on how the virus is affecting our world. Press F5 to refresh the page if you follow us from the desktop.

Sport in the time of the Coronavirus. Italian football works to predict all future scenarios, with the aim of completing the season interrupted by the pandemic, when possible. Obviously, everything depends on the development of the emergency. Here all the updates in real time.

00.35 – AIAC also against the FIGC Council: “Disappointed, many clubs do not want to pay the coaches” – After the association, the non-coach (AIAC), chaired by Renzo Ulivieri, takes a position, with a statement, against the resolutions of the Federal Council of the other day which, in the matter of national licenses, allow the registration to the championship also pending a dispute over the salary payments of March and April: “The Italian Football Coaches Association, aware of its goals and at the same time respectful of its role as a federal component, has always fought for the sustainability of Football: sharing every decision taken in the interests of our sports movement. In this dramatic period of our country we have repeatedly claimed the need for respect for all workers in the football sector and above all for lower profitability. We are disappointed and embittered by the guidelines approved at Federal Council on the rules for registration for professional leagues: rules that will allow the Clubs of pa races, in fact, only one month (net) of wages from here until the end of competitive competitions; rules that we have not voted, together with the AIC “. (Click here to read the complete news!)

00.10 – Coronavirus, the Clausura 2020 Tournament definitively stops in Mexico: no winner – The 2020 Cloistered Tournament in Mexico finally stops. To announce it is the same Liga MX, which on its official channels has communicated the early suspension of the competition with the consequent failure to assign the title. In the past few hours, however, as many as twelve Santos Laguna players had tested positive for Coronavirus.

SATURDAY MAY 23

23.50 – Ligue 1, appeal rejected for OL, Toulouse and Amiens: they had appealed against the championship stop – Appeal rejected for Olympique Lyon, Toulouse and Amiens. The two companies relegated to the French second division and the big one excluded from the Europe that will come, disappointed by the definitive stop at Ligue 1 and above all by the final verdicts, had appealed to ordinary justice to try to assert their positions, but the Administrative Court of Paris “today logically believed that the decision taken on 30 April last – reports an official note from the Ligue de Football Professionnel (LFP) – can only be appealed to the Council of State, a body competent for regulatory acts taken by authorities with national jurisdiction such as the LFP. ”

22.44 – England, EFL will publish the results of all tests carried out between yesterday and today by Monday – EFL said in an official statement that it will publish the results of the first wave of tests for coronavirus, carried out by all players between yesterday and today, before the resumption of collective training, set for Monday. The second English professional league (which includes Championship, League One and League Two) also said that it will reveal both the number of tests carried out and the positive cases, adding that these tests “will not affect the resources of the National Health Service”.

22.03 – Agreement between doctors and CTS: quarantine during the championship goes from 14 to 7 days – There is an agreement between the Serie A doctors and the Technical Scientific Committee: in case of new contagion during the championship, the quarantine for the whole team will be 7 days and not 14. A middle ground between the model of the Bundesliga (which provides for the isolation of the only player concerned) and that of the protocol officially issued today for training (which provides for two weeks of fiduciary isolation for the entire team group). A solution that, pending the official validation of the CTS (Minister Spadafora said today that he will receive this protocol on May 25 and promised that the official response will be there by May 28), will allow Serie A to avoid new long stops in case of further contagion among the players.

21.30 – Torino is back to train in a group. In Philadelphia also a small field match – Torino returned to training in a group, a small-time and short-field match was also supported at Philadelphia: thus Moreno Longo directed the afternoon training session of Belotti and his companions. The grenades also carried out a program focused on the athletic and physical part to find the condition.

20.40 – Genoa, third round of tampons: all negative. Collective training tomorrow as per protocol – Work continues on the Genoa home. The rossoblu team, which in recent days has returned to training individually in Pegli, today carried out the third round of tampons and, also in this situation as in the previous ones, all the members of the “Team Group” were negative. Therefore from tomorrow they will be able to resume collective training at the “Gianluca Signorini” sports center following the protocol of the Federation and approved by the Government.

20.01 – Rugani and Coronavirus positivity: “I was afraid. But I was lucky” – Guest of SkySport microphones Daniele Rugani retraced the period of positivity to Coronavirus. Here are his words: “Now I am very well, the worst is over. I lived a particular month, but I was lucky to have had mild symptoms. Three days after the game against Inter, I felt strange, I measured my fever and realized that it was going up. To be on the safe side, I went to retreat to Continassa. What did I feel? First of all fear. I have to thank the Doctors for their professionalism and for their skill in reassuring us. Surely getting out of this situation has given me and my partner a lot of strength and positive energy “.

19.25 – Lazio, day of tampons for the team. Tomorrow the results. Monday off to sessions – Swabs day at Lazio in view of the
resumption of collective training according to health protocols made official in the past few hours. Results expected for tomorrow, with the group sessions that should start on Monday.

18.13 – Civil Protection, the bulletin: 652 new infected (-1,638 positive compared to yesterday). 130 dead in 24h – The Civil Protection has released the data relating to the last 24 hours. 75,380 new swabs were made and 652 new COVID-19 positives identified. The currently positive are 59,322, with a decrease of 1,638 people compared to yesterday. On the last day 130 people with coronavirus died, making a total of 32,616 deaths since the beginning of the epidemic. The number of people healed rises to 136,720, +2,160 compared to yesterday. Here is the data.

Currently positive: 59,322 (-1,638)
Deceased: 32,616 (+130, + 0.4%)
Discharged / Healed: 136,720 (+2,160, + 1.6%)
Intensive care patients: 595 (-45, -7%)
Buffers: 3.318.778 (+75.380)
Total cases: 228,658 (+652, + 0.3%)

18.01 – Minister Spadafora: “On Monday the FIGC will send me the protocol for the resumption of the championship” Not only the protocol for collective training, published just this afternoon by the government. During his interview with the microphones of ‘Rai Uno’, the Minister of Sports Vincenzo Spadafora announced that on Monday the FIGC will also send the protocol for the safe conduct of the matches to his Ministry: “The other news – he said during the course of his intervention – is that on Monday 25 I will receive the protocol for the resumption of the championship. As soon as I receive it, I will immediately transfer them to the CTS to ensure that in the meeting on Thursday 28 you can already have an orientation of the CTS on the matter and therefore in that date say if there are conditions to resume and when “.

17.55 – Serie A, here is the protocol! The definitive document for the resumption of team training – As anticipated by Minister Spadafora, the protocol for the resumption of training of professional football teams and referees finally arrives at an official level. A few minutes ago, through the portal of the Office for Sport at the Prime Minister’s Office, the press release was released that will allow Serie A, Serie B and Serie C clubs to resume collective training in all respects. Among the novelties of the document, the need to carry out tests every 4 days, the possibility of avoiding the preventive maxi-withdrawal for the whole team, with the fiduciary isolation that takes place only when the positiveness of a footballer is ascertained at COVID -19. Here you can find an in-depth analysis of the document, which is instead available in full version at this link.

17.43 – Spadafora: “Published the protocol for collective training. Shooting? On the 28th we will decide” – Vincenzo Spadafora gave an interview to the microphones of ‘Rai Uno’, during the broadcast ‘La vita in live’: “A few minutes ago we published the protocol that allows the FIGC and Serie A teams to resume collective training, c “is the definitive ok of the Cts. The other news is that on Monday 25 I will receive the protocol for the resumption of the championship. As soon as I receive it, I will immediately transfer them to the Cts to ensure that in the meeting on Thursday 28 you can already have an orientation of the Cts on the issue and then on that date say if there are conditions to resume and when “. (Click here to read the complete news!)

13.47 – Malagò: “There is selfishness on the part of the Serie A presidents” – After talking about the eventuality of the playoffs to finish the championship, Giovanni Malagò on Radio Incontro Olympia commented on the attitude of the presidents of the Serie A clubs: “There is selfishness on the part of all the presidents on whether they want to play or not Yes, everyone has some sort of conditioning from a ranking position – adds the president of the Coni – and I don’t feel like saying there are good and bad. This is perhaps in human nature that there can be pushes, by virtue also of the fact that by the time he stopped everything one was at a point from relegation or from the Scudetto “.

11.32 – Malagò speaks: “Playoffs? I asked to draw up a plan B” – “You can’t start over without having a solution in case you can’t complete the championship.” So Giovanni Malagò, president of CONI, live on Radio Incontro Olympia: “I repeat it for two months. Of 15 team sports in Italy, only football has remained alive: the rest have all stopped without assigning a league title and relegations. Now – continues Malagò “Even if there are all the conditions to start again with Serie A, there is always some small possibility that there may be some obstacles. Playoffs? I asked to draw up a plan B, then it’s up to the FIGC to decide which one. In Germany they have once the whole system has been secured, by immediately making an agreement with the televisions, there is nothing here in Italy. You cannot speak unless you know things “.

11.11 – Rabiot at Continassa – After yesterday’s test results, which gave negative results, it’s time for Adrien Rabiot to return to training at Continassa. The French midfielder arrived at the Juventus sports center this morning to begin preparation for the likely resumption of the championship. Below is the video of his arrival from TMW’s Twitter profile:

10.40 – Dg Cagliari: “We work for safe transfers” – The managing director of Cagliari, Mario Passetti, spoke about the topic taken up at The Gazzetta dello Sport: “Air transfers for us are normal, having such close matches will lead us to make different considerations than usual. But we will be happy to be back to do our job. All the bodies in charge are working professionally to ensure that all transfers are safe, through the construction of protected routes that will be valid in all the cities that will host the matches “.

FRIDAY MAY 22nd

22.35 – Tommasi: “There are those who are really in difficulty these days, and people think of the great engagements” The president of the AIC Damiano Tommasiintervened on the microphones of theHandle, regarding the resolutions of the Federal Council yesterday, which suspended the amateur championships, and indicated the recovery for Serie A, B and C. These are the words of the former Roma midfielder: “‘It is an exceptional situation, for Coronavirus, and you think to solve it with the usual logic: I try to unload the problem on the other, if possible even to screw it. This is what worries me, and I would say not only in football. Football asks the government for money complaining of holes, it requires the balance on TV because you play, don’t pay the players when they are the lockdown and then says that you go on the field with the possibility of paying only one month of salary out of 5: do you think it is a system logic? It seems that we are all part of the same business? Or that we are all on the same boat? But the common opinion is that the player basically cannot complain. There are those who are really in difficulty these days, and people think about great engagements: but the problem is of the majority who live on football, no n of the minority part that is enriched. In the minor leagues there are players called off-site, they have to pay the rent but they are sure of only one salary, perhaps at the minimum: I would not be surprised if they did not go, reasoning that the first money earned is the one saved. The player is the one who risks himself, going on the pitch, and unloads all the weight of this crisis on him. If they want this, then don’t say that they save football. ”

21.30 – In Spain safe: La Liga starts again on 12 June – According to COPE reports, La Liga will return on Friday 12 June and the game that will mark the return of the highest Spanish league will be the Seville derby, scheduled for the “Sanchez Pizjuan”. LaLiga plans to officially announce the calendar to clubs on May 28th.

20.12 – Extremely harsh statement from the Assocalciatori: “Amazement and embarrassment for the decisions taken” Harsh communiqué from the Associates, who commented on the decisions taken during the FIGC Federal Council held yesterday. Click here to read the full press release.

19.35 – Serie A restart, three time slots for matches to be played – News on the resumption of the championship and on the times that the matches set in the next calendar by the Serie A should have. This has provided for three windows, also to meet the TV at 4.30 pm, 6.45 pm and 2 am. Repubblica.it.

18.15 – Civil Protection, the bulletin of May 21 – Below are today’s data provided by the Civil Protection
Currently positive: 60,960 (-1,792)
Dead: 32,486 (+156, + 0.5%)
Healed: 134,560 (+2,278, + 1.7%)
Intensive care patients: 640 (-36, -5.3%)
Buffers: 3.243.398 (+71.679)
Total cases: 228,006 (+642, + 0.3%)

17.45 – Juventus players are all negative – All tests are negative for Juventus players. Also for Adrien Rabiot is Gonzalo Higuain, the last to return to Italy from the long period spent at home. Both will thus be able to early terminate the quarantine and join the group of Maurizio Sarri. The Juventus club has in fact communicated on its website: “yesterday the whole team group carried out the diagnostic tests which gave a negative result; in these days they will resume their training work with larger groups”.

15.29 – Undersecretary Health Paw: “Serie A restart? Coming soon news will come” – Football towards the restart. Sandra Zampa, Undersecretary of the Ministry of Health who said she was rather confident about the resumption of the championships, said it today, as a guest of ‘Radio Capital’: “I believe that we are going in the direction of Germany and also Minister Spadafora He also said it. I accidentally found myself in this speech because everything went through our Ministry, I worked a lot on it and I believe that soon we will have comforting news for the fans “. The date when certainties will arrive on this issue is May 28th. On that occasion, the Minister of Sport Vincenzo Spadafora will meet the leaders of the Leagues and the FIGC and decide whether and how to start again.

15.20 – Even the C towards recovery but the third series doctors are ready for sensational initiatives – The professional championships will resume their course: this is what emerged yesterday from the Federal Council. But the decision did not find the approval of the Italian football medical association (Lamica), led by Enrico Castellacci, former medical director of the national team, especially when it comes to the recovery in Serie C: the current health protocol is an inadmissible hypothesis , and the doctors of the third series, as they have already communicated to the FIGC, are also ready for sensational initiatives. So far, only the Reggiana seems to be on a different position, and ready to start the implementation of the necessary procedures for compliance with the current health protocol: to communicate it, the same club through an official note.

14.50 – Mancini: “I hope he can resume the championship, even if my players will arrive tired” – “I don’t want to say anything that seems to me to be a lot of chaos. If I had to speak as a coach of the National team I would hope that we end up here to start again calmly. Next year there will be an infinite series of games and the players could get tired. my hope, however, is that it will still be possible to recover. ” Roberto Mancini, coach of the Italian national team, returns to speak and on the microphones of Roma Radio he also has his say on the possible restart: “How this new football seems to me:” It is not easy, but I think this: it seems to me that in football there have been very few players who have been infected with the virus. This means that it is not so easy to get infected among us by playing outdoors. I hope the masks disappear soon. Of course, football without audiences is different, it is a rather special football “.

14.10 – The protocol remains a puzzle: many clubs have not received it. And for doctors it is “unworkable” – The protocol for resuming training becomes a puzzle. After the announcements of Spadafora and Gravina on the approval by the CTS, we have been awaiting their publication for a couple of days, but at the moment everything is silent. And it does not end here: according to Il Messaggero, several companies claim not to have received it. Others are waiting for it to be officially validated by the government. And for many, changing the terms of the speech from quarantine to fiduciary isolation of the team in case of new contagion does not change the substance: many Serie A doctors would still have called it “impracticable” in the conversations between them. (Click here to read the complete news!)

13.35 – TMW – Brescia, optional individual trainings again: there is no Balotelli, neither Mr. Lopez – Still on the high seas in Brescia, the organization of training sessions. They have not yet been organized and at the moment, Mario Balotelli has not yet presented himself at the sports center, like many other players since the calls have not yet started. Also absent Mr. Diego Lopez, who is observing the 14 days of isolation. The swallows in these hours are providing the organization of swabs for players and staff and then follow the guidelines of the protocol drawn up by the League and FIGC. For now, however, the choice of players to go to the swallows sports center remains optional.

12.30 – The Conte-FIGC summit is no longer necessary. So the Premier softened Spadafora – The famous summit, long awaited in recent days, between Prime Minister Giuseppe Conte and the leaders of the world of football is no longer necessary. Corriere dello Sport writes this morning explaining how the Minister of Sport Vincenzo Spadafora has been “softened” by Conte himself. Behind the turning point that has come in the past few hours for the resumption of collective training and the possible restart of the championship, in short, there is still the hand of Conte who was about to take over the football dossier. It did not happen, but the Premier let the Minister understand that if the intransigence line continued, he would.
At that point Spadafora, according to the reconstruction of the newspaper, took note of how much the lack of dialogue between himself and Serie A was taking on the contours of a political case and opened to negotiation.

10.52 – Serie A from 13 June to 2 August? The possible calendar, there is also room for the Italian Cup The Corriere dello Sport analyzes the possible composition of the Serie A calendar in the event of a resumption on 13 June, as desired by the League and the FIGC. On that weekend the 27th day, big match Atalanta-Lazio would be staged. A few days later, on June 17th, space for the recovery of the 25th day (Atalanta-Sassuolo, Inter-Sampdoria, Turin-Parma and Verona-Cagliari). So go to the “regular” programming starting from June 21 with a day every 3-4 days to get to the 38th day on August 2. In the middle space also for the Italian Cup, a competition whose term had been questioned in recent days: the return semifinals on July 1, the final on July 22. (Click here to read the complete news!)

10.21 – From the transfer market to the ’20 / ’21 championship. The dates (still hypothetical) of the next season – Yesterday the first dates for the next transfer market were circulating. One topic touched on yesterday by the Federal Council, the main topic was obviously that of the restart of the championship. The first rumors speak of a window between September 1 and October 2 2020, while the Gazzetta dello Sport makes a forecast with 3 more days available, from September 1 to October 5.

09.33 – Federal Council, all yesterday’s decisions: A, B and C championships to be completed by 20 August – The Federal Council staged yesterday put important stakes within the troubled season that is still going on. The deadline for the end of the championship is set for next August 20 (well beyond the indicative date proposed by UEFA, August 3), with the season that will officially close its doors on August 31 to kick off the new 1 of September. Then the market, whose dates will be revealed later, but in the meantime preliminary contracts can be filed from June 1 to August 31. This is the FIGC press release regarding all the decisions taken: “The Board has adopted a resolution indicating the regular continuation of professional competitions. In the alternative, if resumption is not possible, format changes will be made and, in case of definitive interruption, definition of the rankings with promotions and retrocessions with criteria to be identified that reward sporting merit “. (Click here to read the complete news!)

THURSDAY 21 MAY

22.41 – The words of Tommasi – Damiano Tommasi said on the official website of the AIC: “Do you know what it means? That we were on the field until March 15, that the players worked with the athletic trainer throughout the lockdown and now you can also not pay them. And if they sue they also give the club the opportunity not to pay them until August! I am disappointed and worried. They make decisions with masks and call conferences, and then they send the others on the pitch. That is the players. And that’s how they are repaid. Football entrepreneurs are asking everyone for money – Uefa, Fifa, the government – so as not to pay the players… And should we be happy? Tomorrow we will see each other, analyze the situation. I am really disappointed and worried about how things are going in this Federation and in this football. ”

20.45 – The next transfer market – The opening of the next transfer market window could be from September 1 to October 2 2020. The speech was addressed today in the Federal Council but not being on the agenda, no vote was taken and for this reason the speech remains anyway open.

19.00 – Ghirelli speaks – Through a note, the president of the Lega Pro Francesco Ghirelli commented on the decision of the Federal Council to restart the three professional championships, consequently rejecting what was decided by the Lega Pro Assembly by a very large majority: “I must speak the language of truth: what it is left the Federal Council does not satisfy me at all. Serie C has its own specificity in the professional field, otherwise you would not understand why there are A, B and precisely Serie C. We are not able to return to play, they have it also said the sixty social doctors, did we have to be hypocrites and not speak the language of truth? Football must be truly reformed in its culture. We are not able to ensure the certainty of measures to safeguard health “. Click here for the full news.

18.22 – Today’s Civil Protection bulletin – La Civil protection has released data for the past 24 hours. 67,195 new swabs were made and 665 new COVID-19 positives were identified. The number of positives currently stands at 62,752, 2,377 fewer than yesterday. On the last day 161 people with Coronavirus died for a total of 32,330 deaths in Italy since the beginning of the epidemic. The total cases are 227,364: of these, 132,282 healed, 2,881 more than yesterday. Here all the data.

18.12 – Ulivieri after the Federal Council: “Made the right choice” – “The desire to resume the championships by closing the season on August 31st is the right thing to think about and what the Federation could do”. This was how Tuttomercatoweb.com expressed the president of Assoallenatori Renzo Ulivieri, present today at the Federal Council. “There is a need for football in A, B and C. The goal of the Federation is that we arrive at the definition of the rankings based on sporting merit, which is then the line inspired by UEFA”.

17:35Serie A, with a new stop we will move on to the playoffs – “If the championships were to be suspended again due to the health emergency, a new format will have to be identified to complete the season (short playoff and playout phases). In the event of a definitive interruption, definition of the ranking also by applying objective corrective coefficients”, is one of the most important passages of the FIGC press release. In case of a new stop therefore playoffs and playouts to decide on Scudetto, cups and relegations.

16.53 – Serie A, B and C resume: season to be concluded by August 31st – After today’s Federal Council, the FIGC has issued the following statement on the decisions taken: “The Council has adopted a resolution indicating the regular continuation of professional competitions. Alternatively, if recovery is not possible, we will proceed format changes and, in the event of definitive interruption, definition of the rankings with promotions and retrocessions with criteria to be identified that reward sporting merit “. Here the full press release on the resumption of A, B, and C.

16.14 – Sibilia: “They have closed the Amateur League” – The president of the National Amateur League Cosimo Sibilia, in Rome for the Federal Council, he left the venue and confirmed the decision to resume not only the Serie A championship, but also those of B and C. “They have closed the Amateur League, the others go on” , the brief comment captured by our correspondent.

15.59 – TMW – Federal Council, the season will end on August 31st. Championships to be completed by 20 – Latest updates from the Federal Council: the 2019/2020 season is getting longer. The FIGC components are ready to deliberate a further extension, until August 31st (after the hand had previously been raised to the 2nd of the same month). The Serie A, B and C championships, which in the intentions of the FIGC will resume as soon as possible (unlike the Serie D) and without the Scudetto playoff, should thus end by August 20, while the date of 31 is set for contractual reasons and to align with UEFA (President Ceferin yesterday clarified that the date of August 3 was an indication). The Federcalcio press release in this regard is expected, even if the decisive meeting will be that of May 28 between Gravina, Spadafora and Dal Pino, when the government and football institutions will also evaluate the progress of the contagion with the aim of resuming the championships.

15.14 – Latest from the Federal Council, Italian football wants to start again: the press release is awaited – We are moving towards the resumption of the championships, pending the meeting on 28 May between Gravina, Spadafora and Dal Pino. These are the indiscretions that leaked, reports Sky, from the Federal Council in progress, in Rome and by videoconference. In the afternoon, a FIGC release is expected in which, even without definitive decisions, reference will be made to the intention of Italian football at a professional level (therefore A, B and C): to start again, especially after the OK arrived from the CTS to the protocol on collective workouts. Given that there was no mention of the playoffs, the recovery should be “regular” in the intentions of the federal members. Updates will follow, but from today Italian football is a little more confident about the possibility of resuming, and above all finishing, the season.

14.22 – Bologna, all the swabs of the second round negative – Second round of tampons in the Bologna home, all with negative results. This is what was published by La Gazzetta dello Sport this morning which also talks about the next set of tests already set in a few days as well as the serological ones.

14.02 – Marani: “Today’s Federal Council will decide that the A, B and C championships will restart” – Hours of waiting for Italian football, while the Federal Council is taking place today. Matteo Marani, deputy director of Sky Sport, speaks of this: “If we want, today’s meeting says something quite predictable, which is what will be played. But it is news: today the professional championships will restart from the Federal Council, this is the resolution that will be taken. Then other things, playoffs or the like, will be discussed later. But if there are no problems the championships will start again “.

13.50 – Premier League, of the six positive cases three are from Watford. One of them is a footballer – Six positive cases of coronavirus in the Premier League. One of them discovered yesterday belongs to Burnley and is specifically the assistant coach Ian Woan. Three cases instead belong to Watford and it is the club itself that makes it known with an official statement. It is a player and two staff members, whose names have not been disclosed.

13.22 – Sport di squadra, ecco le linee guida per gli allenamenti. Ora manca solo il protocollo FIGC – Arriva le linee guida per gli allenamenti degli sport di squadra. Attraverso il proprio portale online, l’Ufficio per lo Sport presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha diramato le linee guida per tornare ad allenarsi in sicurezza anche a livello collettivo. Per la loro attuazione saranno poi necessari dei protocolli specifici per ciascuno sport. Sotto questo punto di vista, per quel che riguarda il calcio professionistico, manca soltanto la pubblicazione del protocollo FIGC, redatto dalla Serie A e approvato nella giornata di ieri dal Comitato Tecnico Scientifico. A questo link, intanto, è possibile consultare le linee guida per gli allenamenti degli sport di squadra e per lo sport di base.

12.10 – Via al Consiglio Federale – E’ iniziato il Consiglio Federale. Tutti i protagonisti attesi saranno collegati in video-call, ad esclusione del presidente Gravina, dei consiglieri romani (Lotito e Ghirelli) e di Sibilia, che sono presenti fisicamente.

11.38 – Ok alle sedute collettive, ma la Roma rimanda tutto a domani. Oggi giorno libero – C’è l’ok del CTS agli allenamenti di gruppo, ma la Roma rimanda tutto a domani. Questa mattina, infatti, Fonseca ha concesso il giorno libero alla sua squadra in attesa che il nuovo protocollo venga trasmesso alla Figc. Al Fulvio Bernardini si sono presentati comunque Cristante e Mirante per delle sedute di massaggi, al di la della dirigenza che continua a lavorare su più fronti (mercato e piano industriale). Non appena poi il protocollo giungerà in Federazione a Trigoria sono già pronti per iniziare con le sedute di squadra, ma senza ritiro. In caso di positivo scatterà la quarantena all’interno di una struttura scelta dal club ma con la possibilità di non fermare gli allenamenti fatta eccezione per il contagiato. Saranno consentite anche le partitelle all’interno delle sedute.

10.57 – Ceferin sicuro: “Scommetto un milione che gli Europei si faranno nel 2021” – Aleksander Ceferin, presidente della UEFA, ha parlato al Guardian facendo il punto della situazione nel calcio europeo. Circa lo spostamento di Euro 2020: “Non potevo formire fino alle 4 del mattino. A quell’ora ho preso la decisione e sono andato a dormire per un paio d’ore”. Scommetterebbe un milione di dollari che Euro 2020 si giocherà nel 2021? “Sì, lo farei. Non so perché non dovrebbe succedere. Non penso che il virus durerà per sempre. Penso che cambierà prima di quanto si pensi”.

10.21 – Serie A, sciolto il nodo quarantena si punta a seguire il modello Germania per le partite – La nuova positività di un calciatore nel corso di questa fase di allenamenti, che da oggi potranno anche essere collettivi, non fa più paura alla Serie A dopo che ieri è stato dato il via libera all’eventuale proseguo degli stessi anche in caso di contagio. Certo, in caso di nuovi positivi la squadra andrebbe in quarantena preventiva per due settimane, ma l’aver scongiurato l’ipotesi dell’isolamento totale ha fatto tirare un sospiro di sollievo alla Serie A. Tra l’altro, qualora la situazione generale dei contagiati dovesse migliorare ancora, è possibile che decada anche questo principio di quarantena, con una normativa che permetterebbe alle squadre di svolgere ugualmente le partite, come accade in Germania.

09.50 – Malagò: “Sono il primo a fare il tifo per la ripartenza del calcio, ma serve un piano B” – Nel giorno del Consiglio Federale che deciderà le sorti della stagione calcistica interrotta lo scorso mese di marzo per l’inizio della pademia di Coronavirus La Gazzetta dello Sport propone una lunga intervista a Giovanni Malagò, presidente del CONI. Questo il suo pensiero sulla possibile ripresa dei campionato di calcio: “Sono il primo a fare il tifo perché il calcio riprenda – spiega -. Ma dopo pochi giorni alla parola calcio si è sostituita la parola Serie A. Dilettanti e Lega Pro, hanno capito abbastanza presto che con certe dinamiche di protocollo non erano in condizioni di riprendere. La Serie B ha votato da poco per ricominciare. Da mesi insisto: puntiamo a ripartire ma non essendo possibile fare previsioni di lunga scadenza, viste tutte le variabili esistenti, deve esistere anche un piano B. Non averlo è un errore”.

09.20 – Oggi il Consiglio Federale: come potrebbe ripartire la Serie A? In ballo anche playoff e playout – Dopo l’annuncio di ieri del Ministro Spadafora sulla ripresa degli allenamenti di squadra, quella di oggi sarà un’altra giornata campale per il calcio italiano. Alle 12 infatti prenderà il via il Consiglio Federale indetto dal presidente Gabriele Gravina: i massimi vertici del calcio dovranno discutere della ripresa degli allenamenti, of course, ma anche e soprattutto tracciare una o più strade da seguire per l’immediato futuro. Le domande a cui cercare una risposta sono tante, ma due in particolare sembrano avere un peso specifico più importante delle altre: Come procedere se il campionato di Serie A potrà ripartire? Cosa fare se la situazione epidemiologica obbligherà a fermare tutto?

00.10 – Galles, ufficiale lo stop al campionato: i Connah’s Quay Nomads dichiarati campioni I Connah’s Quay Nomads, che al momento dello stop del campionato gallese aveva 4 punti di vantaggio sui New Saints, sono stati ufficialmente dichiarati campioni del Galles. La federcalcio gallese ha infatti deciso di mettere la parola fine al campionato, fermo per l’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia di Covid-19. La squadra allenata dal britannico Mark McGregor ha cosi conquistato il primo titolo della propria storia, mettendo fine all’egemonia dei News Saints, che si erano aggiudicati gli ultimi otto titoli di fila.

MERCOLEDÌ 20 MAGGIO

23.38 – Coronavirus, è al Burnley uno dei 6 positivi di Premier: si tratta del vice allenatore Ian Woan – È al Burnley uno dei sei positivi della Premier League. Lo stesso club ha confermato che Ian Woan, vice allenatore, ha contratto il Coronavirus. Il tecnico è asintomatico e andrà in quarantena per sette giorni in vista di un nuovo test lunedì.

23.23 – Emergenza Coronavirus. La Slovenia annuncia la ripartenza: il 5 giugno si torna in campo – La Federcalcio slovena ha fissato la data in cui il campionato, sospeso a causa dell’emergenza Coronavirus, ripartirà. Si tratta del 5 giugno quando le squadre scenderanno in campo per la 26^ giornata. Il calendario nel dettaglio sarà comunicato nel corso della prossima settimana, ma intanto sono state fissate le date della Coppa di Slovenia con le semifinali che si giocheranno 9 e 10 giugno e la finale il 24 giugno.

23.01 – Coronavirus, calciatore dello Slavia Praga positivo: ripresa del campionato a rischio – Slavia Praga interamente in isolamento fino a giovedì dopo la positività di un calciatore al test del Coronavirus. Ad annunciarlo sui propri canali ufficiali è stato lo stesso club della capitale, che ha già fissato nel week-end i prossimi controlli. Il campionato ceco dovrebbe ripartire la settimana prossima, con lo Slavia impegnato dinanzi al Mlada Boleslav subito martedì 26 maggio. Una sfida che rischia però di slittare qualora dovessero arrivare altri risultati positivi nel successivo giro di tamponi.

22.27 – Milan, prima giornata di tamponi al centro sportivo. A seguire il pranzo… a distanza – Prima giornata di tamponi a Milanello. Tutti i giocatori della rosa oggi si sono sottoposti all’esame sul coronavirus e lo rifaranno ancora nei prossimi giorni, probabilmente giovedì. In caso di doppia negatività la squadra potrebbe poi ricominciare ad allenarsi in gruppo con le partitelle, come previsto dal nuovo protocollo. Oggi intanto sono proseguiti gli allenamenti individuali specifici sulla forza, mentre nei prossimi giorni la squadra si concentrerà più sulla tecnica con l’utilizzo del pallone. Tutta la rosa – ad eccezione di Kessie, ancora in quarantena dopo essere rientrato dalla Costa d’Avorio – ha lavorato sia la mattina che il pomeriggio così farà anche domani. La squadra ha pranzato a Milanello: per restare distanziati e non violare alcuna norma, i giocatori hanno mangiato divisi in due sale su due turni, con porzioni monouso da self service e senza camerieri.

21.46 – Ok a sedute collettive, Gravina: “C’è soddisfazione. Già a lavoro per protocollo ripresa Serie A” – “La validazione del protocollo sugli allenamenti collettivi è un passo determinante nel percorso di ripartenza del calcio in Italia”: lo dice il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, commentando il parere positivo del comitato tecnico scientifico che da’ il via agli allenamenti colletivi e annunciando che la commissione medica della Figc e’ gia’ al lavoro per il protocollo per il via al campionato. “Ho espresso al ministro per lo sport, Vincenzo Spadafora, e al ministro della salute, Roberto Speranza, la mia soddisfazione e quella della federazione per la disponibilità al confronto e la fattiva collaborazione che hanno portato al raggiungimento di questo importante risultato”.

19.59 – Tommasi: “4 settimane di allenamento necessarie. Serie A 13 o 20 giugno? Non poniamo limiti” – Il presidente dell’AIC Damiano Tommasi ha parlato a Rai Sport della ripartenza degli allenamenti di squadra autorizzata dal Cts (e poi dal governo) e in generale della discussione pubblica in merito alla situazione della Serie A: “E’ giusta la cautela che si sta usando in tema di ripresa del calcio? La prudenza prima di tutto, servono certezze dal punto di vista medico. I tempi che ci aspettiamo e di cui abbiamo bisogno però non coincidono con quelli della scienza, speriamo di poter accelerare nelle prossime settimane. Abbiamo chiesto che ci sia un organo di controllo che possa dare a tutti le stesse garanzie di sicurezza. Quante settimane di allenamento serviranno? Almeno 4, anche se alcuni ragionano su 6 settimane. Diciamo che comunque almeno 4 servono per evitare infortuni. 13 giugno o 20 giugno, quale la data più credibile per la ripartenza del campionato? Non poniamo limiti se vogliamo essere in grado di ripartire, le 4 settimane per gli allenamenti non devono ssere un problema, anzi vediamole come necessarie per tornare in forma ed evitare infortuni. I giocatori non vedono l’ora di tornare in campo”.

19.31 – SPAL, i test medici effettuati da staff tecnico e giocatori hanno dato tutti esiti negativi – Buone notizie in casa SPAL. Come comunicato dallo stesso club, infatti, l’esito dei test – a cui sono stati sottoposti i giocatori e staff – è risultato negativo. Questo il testo del comunicato: “SPAL srl comunica che le analisi mediche effettuate nei giorni scorsi da staff tecnico e giocatori della prima squadra biancazzurra hanno dato tutte esiti negativi”.

18.44 – Spadafora conferma: “Via libera agli allenamenti di squadra. Decisione su Serie A il 28 maggio” – Il Cts ha dato il via libera al nuovo protocollo per la ripresa degli allenamenti di squadra per le 20 società di Serie A. A confermarlo in modo ufficiale, tramite i microfoni di Rai2, è il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora: “Mi sembra un’ottima notizia, finalmente gli allenamenti potranno riprendere. Sono state fatte valutazioni attente, la FIGC ha rivisto la prima proposta e questo ha aiutato. Ci sono chiarimenti su tempi di quarantena ed isolamento, si raccomanda il fatto che la necessità di tamponi non vada ad incidere sui cittadini e si evita l’autoisolamento iniziale in modo di consentire alle squadre di avviare l’attività pur non avendo i centri sportivi capaci di accogliere tutto il gruppo. Niente quarantena di squadra? E’ così, ci siamo potuti arrivare perché la situazione oggi ha consentito di rivedere le regole in modo migliorativo. E’ stato fatto per il paese, è giusto che anche il calcio possa riprendere in sicurezza. Entro il 28 maggio decideremo la data di ripartenza del campionato”.

18.23 – Protezione Civile, il bollettino: 813 nuovi contagiati (-1.424 positivi rispetto a ieri). 162 morti in 24h – La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 63.158 nuovi tamponi e individuati 813 nuovi positivi al COVID-19. Il numero degli attualmente positivi è di 65.129, 1.424 in meno rispetto a ieri. Nell’ultimo giorno sono morte 162 persone affette da Coronavirus per un totale di 32.169 decessi in Italia dall’inizio dell’epidemia. I casi totali sono 226.699: di questi, 129.401 i guariti, 2.075 in più rispetto a ieri. Di seguito i dati:

Attualmente positivi: 65.129
Deceduti: 32.169 (+162, +0,5%)
Dimessi/Guariti: 129.401 (+2.075, +1,6%)
Ricoverati in Terapia Intensiva: 716 (-33, -4,4%)
Tamponi: 3.104.524 (+63.158)
Totale casi: 226.699 (+813, +0,4%)

17.59 – Il CTS approva protocollo senza quarantena di squadra. Tamponi frequenti ai calciatori – Via libera agli allenamenti di squadra. The CTS (comitato tecnico scientifico, ndr), dopo aver ricevuto domenica sera dal Governo il protocollo con le modifiche della A league, nelle ultime 48 ore si è dedicato a valutare attentamente le nuove disposizioni. L’ok è arrivato e da domani le squadre di A possono continuare con le sedute di gruppo. Ancora niente partitelle e lavoro sugli schemi ma un passo avanti è stato fatto. Non è più previsto il ritiro e soprattutto in caso di positivo scatterà la quarantena per tutta la squadra che potrà comunque continuare ad allenarsi in una struttura scelta dal club, fatta eccezione per il contagiato. Decisiva per la ripresa del campionato e per inserire le partitelle negli allenamenti, sarà la curva dei contagi. Dovesse continuare a scendere si procederebbe alla definizione di nuovi step.

17.40 – Calcagno (AIC): “Il CTS ci dia una mano o chiude il calcio e tutti gli sport di squadra” – Umberto Calcagno, vicepresidente dell’Associazione Italiana Calciatori e consigliere della FIGC, interviene in diretta nel corso di Stadio Aperto, trasmissione in onda su TMW Radio, per affrontare i principali temi all’ordine del giorno per quanto riguarda la ripresa della Serie A: “Fiducioso per un via libera alla ripresa? Sì, devo esserlo. La nostra responsabilità è di farsi trovare pronti se le autorità ci diranno che possiamo convivere col virus. Stiamo facendo ragionamenti, sembra ci siano partiti contrapposti nel nostro mondo ma la verità è che ci siamo affidati a chi se ne intende, e stiamo lavorando perché il nostro sport, che prevede il contatto, sia attuabile. Se non fosse arriverebbero problemi”. (Clicca qui per leggere la news completa!)

17.15 – Coronavirus, trovati sei nuovi positivi in Premier League tra giocatori e staff tecnico – Sei positivi, di tre club differenti. È questo l’esito dei test del Coronavirus svolti tra domenica e lunedì tra i calciatori e gli staff tecnici dei club di Premier League. Ad annunciarlo, attraverso fonti interne alla Lega del massimo campionato inglese, è su Twitter il giornalista Jason Bourne.

16.09 – Conte: “I sacrifici hanno dato i loro frutti” – Il Premier Giuseppe Conte è intervenuto questo pomeriggio nel corso della 73esima Assemblea Generale dell’OMS per dare la testimonianza dell’Italia nella lotta al COVID-19. “Questo virus ha cambiato le nostre vite”, ha detto Conte che ha parlato dell’emergenza che ha dovuto affrontare il nostro paese, il primo in Europa ad essere pesantemente colpito dal coronavirus. “A marzo dovevamo prendere misure drastiche per contenere la diffusione del virus e dopo due mesi i dati epidemiologici sono incoraggianti e confermano che i nostri sforzi e sacrifici hanno dato i loro frutti”.

15.15 – Il Ministro Spadafora: “L’obiettivo non è solo quello di far ripartire il campionato, ma di riuscire a farlo terminare” – Ai taccuini di ‘Italpress’, il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora è tornato a parlare della ripresa dei campionati: “Tutti speriamo che il campionato possa ripartire il prima possibile ma al momento non ci sono certezze, come detto anche dal premier Conte. L’obiettivo che dobbiamo realizzare non è solo quello di far ripartire il campionato, bensì di riuscire a farlo terminare”. Clicca qui per l’intervista completa.

14.20 – Per l’Europeo rinviato al 2021 tre città a rischio – Come riporta ‘Marca’, tre città delle 12 scelte per ospitare le partite del prossimo Europeo potrebbe rinunciare a causa dei problemi derivanti dalla pandemia. La Federcalcio spagnola ha categoricamente smentito che una di queste sia Bilbao.

12.40 – A rischio le trasferte europee in Inghilterra – Isolamento di 14 giorni per coloro che arriveranno nel Regno Unito. Questo è quanto deciso dal Governo britannico, che non intende esentare dalla quarantena (concessa a poche categorie tra cui i diplomatici e i trasportatori) gli sportivi. Un problema non da poco per il calcio europeo, che di fatto bloccherebbe Champions ed Europa League. Niente di ufficiale, come dichiarato da una fonte al Sun, ma la direzione è questa. Le restrizioni decise da Downing Street saranno riviste ogni tre settimane durante l’estate. Allo stato attuale cinque squadre britanniche sono coinvolte nelle coppe europee: Manchester City e Chelsea in Champions; Manchester United, Wolverhampton e Rangers in Europa League.

12.00 – UEFA, Ceferin: “Fine dei tornei entro il 3 agosto una raccomandazione, non una scadenza – Aleksander Ceferin, presidente dell’UEFA, in una lettera inviata a ‘Le Parisien’ ha chiarito la sua posizione relativa alla conclusione dei campionati: “Le date del 20 luglio (per le federazioni classificate dal 16° al 55° posto nel ranking UEFA) e del 3 agosto (dal 1° al 15° posto) sono state menzionate nelle presentazioni fatte durante gli incontri con segretari e presidenti delle 55 associazioni affiliate alla UEFA il 21 aprile e nelle riunioni tra gruppi di lavoro. Tuttavia, durante queste riunioni, abbiamo sempre menzionato che queste date sono solo raccomandazioni, formulate provvisoriamente e non ufficiali”.

11.12 – I playoff tornano di moda – Tra i temi che saranno affrontati domani (consiglio al via alle 12), anche i playoff e i playout, soluzione, come detto, particolarmente gradita a Gravina in alternativa al campionato regolare. Incertezza sul numero delle squadre che vi parteciperebbero: per i playoff, qualcuno ha ipotizzato 12, ma le prime quattro difficilmente accetterebbero di ridiscutere la qualificazione in Champions, classifica alla mano praticamente già certa. In coda, le distanze sono molto risicate e qualsiasi decisione potrebbe scontentare una delle contendenti.

10.30 – Domani stop D, non B e C – Il Consiglio Federale di domani sancirà lo stop definitivo al calcio dilettantistico. Per quanto riguarda Serie B e C, nonostante in questo caso vi sia stata una richiesta pressoché unanime della Lega Pro, è improbabile che la FIGC decreti conclusa la stagione: il presidente Gravina vuole esplorare tutte le possibilità di ripresa prima di arrendersi.

10.11 – Oggi risposta del CTS. Nasce il protocollo per le partite? – Non solo il protocollo per la ripresa degli allenamenti individuali, sul quale peraltro oggi potrebbe arrivare una risposta del Comitato Tecnico Scientifico. In mattinata, la commissione medica della FIGC si riunirà per studiare il nuovo protocollo medico per la ripresa delle partite.

8.58 – Attesa per il nuovo protocollo. Domani Consiglio Federale – Cresce l’attesa per il responso del Comitato Tecnico Scientifico sul nuovo protocollo inviato dalla Lega Serie A. I temi caldi: no quarantena di squadra in caso di nuovo contagio, niente maxi-ritiro e molti tamponi in più per ciascun club. Intanto, la FIGC ha sospeso tutti i campionati fino al 14 giugno: una mossa obbligata, visto il DPCM in vigore da ieri, ma in ogni caso la ripartenza della Serie A per il 13 è a serio rischio, il tempo stringe. Domani si terrà il Consiglio Federale: la FIGC decreterà la sospensione della Serie D, più difficilmente di B e C. Tornando al massimo campionato, il presidente Gravina è tornato alla carica con i playoff e i playout, nel caso non si possa far ripartire il campionato.

MARTEDÌ 19 MAGGIO

22.52 – FIFA, Infantino: “Partita per raccogliere fondi” – FIFA Foundation organizzerà per la prima volta nella sua storia una partita di calcio per raccogliere fondi per ACT, Access to COVID-19 Tools, una sorta di collaborazione mondiale per accelerare lo sviluppo, la produzione e l’accesso a nuove tecnologie sanitarie, siano esse diagnostiche, terapeutiche o vaccinali, nella lotta al Coronavirus. Il presidente Gianni Infantino, tramite il sito ufficiale, ha così commentato: “E’ nostra responsabilità dimostrare solidarietà e continuare a fare tutto il possibile per partecipare e supportare gli sforzi nella lotta alla pandemia”.

21.57 – Repubblica: Gravina potrebbe imporre i playoff – La situazione legata alla ripartenza e quindi al futuro del calcio italiano continua ad essere ricca di punti di domanda ed in attesa di colpi di scena. Quel che è certo è che il presidente Gabriele Gravina proverà in ogni modo a far sì che il calcio possa ripartire, che il campionato 2019/2020 possa concludersi. E in passato, sebbene non ci siano mai state aperture particolari in tal senso, l’idea dei playoff e dei playout come alternativa al “classico” calendario è stata tirata in ballo dallo stesso numero uno della FIGC. Secondo la Repubblica, UEFA e Governo avrebbero già dato una mano a Gravina se questa dovesse essere la strada: Ceferin ha detto che è possibile cambiare i format, il governo ha snellito la giustizia sportiva rendendo i possibili ricorsi più “gestibili” dal punto di vista temporale. Il Dl Rilancio, inoltre, gli permetterebbe di “imporre” i playoff-playout alla Serie A attraverso il Consiglio federale. L’ipotesi più probabile al momento prevederebbe dei playoff da 12 squadre con la classifica congelata al 9 marzo: Le prime quattro (Juventus, Lazio, Inter e Atalanta) andrebbero ai “quarti di finale”. La 5^ (Roma) sfiderebbe la 12^ (Cagliari), la 6^ (Napoli) contro l’11^ (Sassuolo), la 7^ (Milan) contro la 10^ (Bologna) e l’8^  (Verona) contro la 9^ (Parma). I playout, di conseguenza, sarebbero fra le ultime 8, quindi Fiorentina, Udinese, Torino, Sampdoria, Genoa, Lecce, SPAL e Brescia.

20.52 – Pozzo: “Bundesliga ripartita come peggio non poteva” – C’è chi giudica frettolosa la ripartenza della Bundesliga: “Sono ripartiti peggio che non si poteva nonostante lo abbiano venduto come un trionfo ma è successo quello che si prevedeva a livello di infortuni. 8 lesioni nelle prime 6 partite, altrettante solo per il Borussia Dortmund dopo una singola giornata. La riprova che se non fai una buona preparazione paghi il conto. E il tutto con una partita a settimana mentre noi dovremmo farne due, per cui servirebbe una rosa di 30 giocatori per arrivare in fondo ed ammortizzare tutti gli infortuni”, ha detto il patron dell’Udinese Giampaolo Pozzo.

19.58 – FIGC, campionati sospesi fino al 14 giugno – Con provvedimento del presidente Gabriele Gravina, la FIGC ha disposto la sospensione fino al 14 giugno di tutte le competizioni calcistiche organizzate sotto l’egida federale. Un atto dovuto dopo il DPCM del 17 maggio. Di seguito il comunicato: “Il Presidente Federale – visto il Comunicato Ufficiale n. 193/A del 4 maggio 2020; – visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 maggio 2020 recante “misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale”; – preso atto della sospensione sino al 14 giugno 2020 degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati, di cui al citato Decreto; – visto l’art. 24 dello Statuto Federale; – sentiti i Vice-Presidenti delibera di sospendere sino al 14 giugno 2020 tutte le competizioni sportive calcistiche organizzate sotto l’egida della FIGC. La presente delibera sarà sottoposta alla ratifica del Consiglio Federale nella prima riunione utile”.

19.25 – La situazione delle venti squadre di Serie A – Il Parma è già in ritiro, ma presto potrebbe essere seguito da tutte le squadre di Serie A, una volta arrivato l’ok per gli allenamenti collettivi, con un protocollo che attende di essere perfezionato. Intanto le formazioni italiane continuano ad allenarsi in modo individuale, per far crescere una condizione che non può essere al massimo dopo due mesi di stop. Qui un quadro completo delle 20 società del massimo campionato.

18.50 – Protezione Civile, il bollettino: 451 nuovi contagiati (-1.798 positivi rispetto a ieri). 99 morti in 24h – In basso i dati:
Attualmente positivi: 66.553 (-1.798)
Deceduti: 32.007 (+99, +0,3%)
Guariti: 127.326 (+2.150, +1,7%)
Ricoverati in Terapia Intensiva: 749 (-13, -1,7%)
Tamponi: 3.041.366 (+36.406)
Totale casi: 225.886 (+451, +0,2%)

18.03 – Mercoledì giornata cruciale per il futuro del calcio italiano: alle 12, via al Consiglio Federale – Ci sarà mercoledì a partire dalle ore 12.00 la riunione del Consiglio Federale. A rendere noti i dettagli quest’oggi ci ha pensato la stessa FIGC, con un comunicato apparso sul sito ufficiale. Questo il testo integrale: “La riunione del Consiglio Federale è stata convocata per le ore 12 di mercoledì 20 maggio. Tra gli argomenti all’ordine del giorno, oltre all’approvazione dei verbali delle riunioni del 24 febbraio e 10 marzo e alle comunicazioni del Presidente, i seguenti punti: informativa del Segretario Generale; modifiche regolamentari; nomine di competenza; decreto Presidente Consiglio dei Ministri del 17 maggio 2020: provvedimenti conseguenti; circolare UEFA n. 24 del 24 aprile 2020: determinazioni in ordine alle modalità di conclusione dei campionati stagione sportiva 2019/2020; competizioni ufficiali professionistiche e dilettantistiche stagione sportiva 2019/2020: provvedimenti conseguenti; Licenze Nazionali stagione sportiva 2020/2021; termini tesseramento in ambito professionistico stagione sportiva 2020/2021; ratifica delibere di urgenza del Presidente Federale; varie ed eventuali”.

17.18 – UEFA, slitta la riunione del Comitato Esecutivo. Il 25 maggio non sarà più data vincolante – Come vi avevamo annunciato negli scorsi giorni, la UEFA ha deciso di far slittare l’aut-aut per la conclusione dei campionati che era previsto per il 25 maggio e per questo motivo ha deciso di concedere alle Federazioni e Leghe ulteriore tempo prima di dare un responso definitivo. “La UEFA – si legge – ha annunciato oggi che la prossima riunione del suo Comitato Esecutivo, originariamente prevista per il 27 maggio, è stata rinviata al 17 giugno 2020, a causa dell’esistenza di alcuni punti aperti rimanenti riguardanti un piccolo numero di sedi proposte per la riorganizzazione di UEFA EURO 2020 il prossimo anno”. In realtà c’è anche dell’altro. La decisione si concilia, come detto, anche con le richieste delle Federazioni e dei Governi che oggi, a una settimana dal 25 maggio, non hanno ancora ben chiare le idee sulla ripartenza. E vogliono evitare di prendere una decisione frettolosa nel giro di sette giorni.

17.10 – Grecia, il campionato riparte il 6 giugno: si giocheranno poule scudetto e retrocessione – Il campionato greco riparitrà il 6 di giugno. È questa la decisione della Federcalcio ellenica, dopo che la Nazione ha risposto bene al Coronavirus con solamente 163 morti su 2834 casi acclarati. La stagione regolare si era conclus

<

script>
function addListener(element, type, callback)
{
if (element.addEventListener) element.addEventListener(type, callback);
else if (element.attachEvent) element.attachEvent(‘on’ + type, callback);
}

function getQueryParam(param)
{
    var result = window.location.search.match(new RegExp("(?|&)" + param + "([])?=([^&]*)"));
    return result ? result[3] : false;
}

/* Settaggio delle variabili */
var menunav     = 'serie-a';
var indirizzo   = window.location.pathname.split("https://news.google.com/");
var word        = '';
if (word=='') word = getQueryParam('word');
var zona        = 'default';
var azione      = 'read';
var idsezione   = '1';
var titolo_art  = 'LIVE TMW - Emergenza Coronavirus, ecco il protocollo definitivo per gli allenamenti di squadra';
var sezione_art = 'Serie A';
var now         = '23 maggio ore 00:46';
var squadra      = '';

/* Settaggio della searchbar (con titoletto) */
var searchbar = false;
if (indirizzo[1]!='' && word=='') searchbar = indirizzo[1].replace(/-/gi, " ").replace(/_/gi, " ").toUpperCase();
else if (azione=='search') {
    searchbar = 'Ricerca';
    if (word!=false && word!='') searchbar = searchbar + ' per ' + word.toUpperCase()
} else if (azione=='contatti') searchbar = azione.toUpperCase();
indirizzo = indirizzo[1].replace('-', '');
if (word==false) word = '';

/* Caricamento asincrono degli script social (versione estesa commentata su main_all.js) */
if(("read"==azione||"media"==azione) && euPubConsentExists){var scripts=["//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"];!function(e){for(var t=0,a=e.length;a>t;t++){var o=document.createElement("script");o.type="text/javascript",o.async=!0,o.src=e[t];var r=document.getElementsByTagName("script")[0];r.parentNode.insertBefore(o,r)}}(scripts)}

function lazyImage(id)
{
    var imgs = document.getElementById(id);
    if (imgs!==undefined && imgs!==null)
    {
        var img = imgs.getElementsByTagName('IMG');
        if (img!==undefined && img!==null && img.length>0)
        {
            for (var i=0; i<img.length; i++)
            {
                var datasrc = img[i].getAttribute('data-src');
                if (datasrc!==undefined && datasrc!==null && datasrc!=='') img[i].src = datasrc;
            }
        }
    }   
}





Source link
https://www.tuttomercatoweb.com/serie-a/live-tmw-emergenza-coronavirus-ecco-il-protocollo-definitivo-per-gli-allenamenti-di-squadra-1384224

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here